La ragade

La ragade anale

appunti del dott. Claudio Italiano

Generalità

dott. Claudio ItalianoLa ragade anale è una lesione che si riscontra di frequente nella pratica del proctologo e si caratterizza per una sintomatologia dolorosa sproporzionata rispetto al danno anatomico. Si tratta di una soluzione di continuo del canale anale distale, cioè del rivestimento cutaneo dell’ano ed ha una notevole difficoltà a guarire da sola, essendo causa di sanguinamento e di dolore anale. Gli autori anglosassoni definiscono ragade la lesione superficiale acuta, unica, per lo più localizzata sulla linea mediale anale posteriore e chiamano “ulcera anale” la forma cronica. In genere, benché tutte le età ne siano colpite, la ragade interessa i pazienti tra i 30 ed i 40 anni d’età.

Eziopatogenesi

Le cause sono sconosciute. Non si tratta di certo di un ulcera varicosa o di una emorroide ulcerata. Si pensa che cause predisponenti siano Ragade anale, disegnole infiammazioni dell’ano (anite) e le criptiti, facilitate dai traumatismi della regione anale stessa, ma anche fattori irritanti come le feci a pH alcalino e le feci diarroiche ne sono fattori favorenti l’instaurarsi delle ragadi, probabilmente per l’impianto di batteri patogeni. La stitichezza è la causa determinante delle ragadi, poiché le feci dure, quelle a scibale caprina, provocano trauma nella zona posteriore del rafe anale e lo stesso dicasi per le manovre traumatiche rappresentate dall’impiego frequente di cannule da clistere in personale infermieristico che introduce la cannula alla cieca (!), senza tenere conto che il canale anale ha un suo asse obliquo o, peggio ancora, manovre dello stesso paziente, miranti a liberarsi delle feci dure con le dita o un comportamento sessuale discutibile che favorisce la lesione del canale anale (attività sessuale condotta in maniera impropria ed inadeguata, senza il minimo accorgimento). A ciò si aggiunge l’uso di lassativi irritanti e dei purganti salini o dell’olio di vaselina, per mesi o anni. Quando la lesione anale, poi, causa spasmo dello sfintere, allora subentra la cronicizzazione della ragade.