Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su "Accetto" acconsenti all'uso dei cookie.

Puntura del midollo osseo

  1. Gastroepato
  2. Argomenti di ematologia
  3. Puntura del midollo osseo
  4. Emopoiesi

Perchè una biopsia ossea?

La biopsia midollare si richiede se occorra fare una diagnosi di malattia del sangue, per valutare, tramite un "pezzo bioptico" la cellularità del midollo osseo, in particolare riguardo alla condizione del connettivo, per es,  se c'è una mielofibrosi, condizione questa in cui il midollo è sostituito da tessuto fibroso.

In altri casi si ricorre all'Aspirato midollare, che mi serve anche per fare le analisi citogenetiche e per avere idea della cellularità del midollo e delle cellule ematopoietiche e della presenza e quantità dei blasti

Elementi fondamentali

Indicazione: sospetto o controllo del decorso in caso di emopatie o malignomi con infiltrazione del midollo osseo.
Controindicazione: disturbi di coagulazione (cfr. anche biopsia), infezioni locali.
 Complicanze: infezione della ferita, ematomi, nella puntura sternale lesione del
pericardio e dei grandi vasi, pneumotorace.

Metodi per la biopsia ossea

- Puntura della cresta iliaca: consente la diagnosi citologica e istologica, è più innocua, ma presenta, sotto l'aspetto tecnico, maggiori difficoltà rispetto alla puntura sternale
- Puntura sternale: consente la diagnosi citologica, ma a causa della maggiore incidenza di complicanze va praticata soltanto in casi eccezionali.

Materiale:

ago per puntura o ago a punzone (vedere sotto), tampone sterile, guanti sterili, garze sterili, soluzione disinfettante, 5-10 mi di anestetico locale (per es., lidocaina all'1%), cannule, siringhe, bende, sacchetto di sabbia, 15 portaoggetti, piccolo vassoio in plastica, bacinella reniforme, contenitori per materiale di biopsia.
• Puntura a secco: impossibile aspirazione di midollo osseo.

-Applicazione: tecnica errata, osteomielofibrosi, leucemia a cellule capellute, anemia aplastica.

Puntura della cresta iliaca

• Materiale: ago a punzone, eventualmente altro ago per puntura sternale senza limitatore della profondità della puntura, per il resto vedere sopra. > Esecuzione (vedi disegno):
- Eventuale premedicazione: per es. 2,5-5 mg di midazolam e.v.
- Posizione: decubito laterale, gambe ripiegate, letto in posizione orizzontale
- Marcatura del punto di iniezione (spina iliaca posteriore superiore): palpazione della cresta iliaca in direzione dorsale; l'ispessimento osseo palpabile corrisponde alla spina iliaca posteriore superiore

- Disinfezione della cute, indossare guanti sterili, copertura
-Anestesia locale: fare attenzione a una sufficiente infiltrazione del periostio
- Incisione a foro della cute- Biopsia: introduzione dell'ago a punzone in direzione della spina iliaca anteriore superiore (esercitare da questo punto, con l'altra mano, una contropressione); dopo aver raggiunto l'osso rimuovere il mandrino e con movimenti rotatori introdurre per altri 2-3 centimetri circa l'ago a punzone nella stessa direzione, poi dare una lieve inclinazione all'ago a punzone e ruotare (tranciando così il cilindro di punzonatura), indi estrarre, inserire il cilindro di punzonatura, servendosi del mandrino o del filo metallico, nel vaso preparato
- Citologìa con aspirazione: può essere eseguita con l'ago a punzone, meglio con l'ago supplementare per la puntura sternale (senza limitatore della profondità della puntura)

• Puntura: in direzione della spina iliaca anteriore superiore con movimento rotatorio uniforme; la scomparsa di resistenza a livello osseo indica corretta posizione della punta dell'ago nel canale midollare
• Aspirazione. Estrarre il mandrino, applicare siringa (20 ml) e aspirare rapidamente il midollo osseo (manovra dolorosa! Informarne precedentemente il paziente)
• Con la siringa portare il midollo osseo sul portaoggetti, che deve essere in posizione perfettamente verticale in una bacinella reniforme
• Rimuovere i "frammenti" per esempio con vetrino ed eseguire alcuni strisci su portaoggetti (circa 10-12) posti orizzontalmente su un vassoio; rapida lavorazione, possibilmente a opera del personale ausiliario. In seguito invio al laboratorio di ematologia in contenitori speciali
• Estrarre l'ago
- Bendaggio sterile, compressione della ferita con sacchetto di sabbia per 30 minuti.

indice argomenti di ematologia